APPLICAZIONE “SPLIT PAYMENT” – Art. 1, comma 629, lettera b), della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015)

Ricordiamo che  la Finanziaria 2015 ha introdotto un innovativo metodo di versamento dell’IVA, il cosiddetto “split payment”, per le cessioni di beni / prestazioni di servizi effettuate nei confronti di Enti pubblici che “non sono debitori d’imposta ai sensi delle disposizioni in materia d’imposta sul valore aggiunto”.

In particolare, il nuovo art. 17-ter, DPR n. 633/72, prevede che i soggetti ivi richiamati sono tenuti “in ogni casoa versare l’IVA agli stessi addebitata direttamente all’Erario e non al fornitore (cedente / prestatore), entro termini e con modalità stabiliti da un apposito Decreto.

Tale disposizione implica quindi che la vostra azienda dovrà continuare ad esporre l’IVA in fattura, ma il nostro ente non procederà a saldarvi il relativo importo, in quanto esso verrà trattenuto al fine del successivo versamento all’erario direttamente da parte nostra.

Al fine di una nostra e vostra corretta gestione del nuovo meccanismo sopra indicato le fatture andranno redatte come da fac-simile sotto riportato

 

INTESTAZIONE DITTA

                                                 Spett.le

                                                 COMUNITA’ MONTANA DEL PINEROLESE

 

  Fattura n. 20 del 13.2.2015         

Imponibile    € 10.000,00
IVA 22%    €   2.200,00
Totale fattura    € 12.200,00
IVA a Vs. carico ex art. 17-ter, DPR n. 633/72 – €   2.200,00
Netto da pagare    € 10.000,00

     Operazione con “scissione dei pagamenti” DM 23.1.2015