Prodotti e Sapori delle Alte Valli

Il progetto ha la finalità di supportare lo sviluppo sostenibile della montagna rurale delle Alte Valli, attraverso la valorizzazione delle sue produzioni tipiche e delle sue pratiche tradizionali, la promozione dei prodotti del territorio e del patrimonio gastronomico.

I territori delle Alte Valli presentano delle caratteristiche comuni per quanto riguarda la loro geografia alpina, la loro storia culturale montana e le loro risorse derivate dagli allevamenti, dalle terre d’alpeggio e dalle colture di fondo valle. Il settore agricolo, in passato, ha rappresentato la principale attività economica di queste zone di montagna, attraverso uno sviluppo specifico di colture cerealicole e di attività casearie strettamente legate all’allevamento bovino. La tradizione di scambi frequenti e di commercializzazione di prodotti – incontri negli alpeggi, scambi tra margari, mercati comuni, circolazione delle merci attraverso i colli, – ha largamente contribuito alla ricchezza attuale dei produttori locali nelle alte Valli.

Ma nelle Alte Valli, come nelle numerose altre vallate alpine, per effetto del processo di globalizzazione e di urbanizzazione , l’agricoltura di montagna è stata marginalizzata a partire dagli anni ’80. Questo fatto ha avviato una perdita di pratiche tradizionali ed una diminuzione dell’utilizzo dei prodotti locali nel consumo e nella ristorazione. I produttori riscontrano numerose difficoltà a trovare sbocchi regolari per i loro prodotti.

L’obiettivo generale è dunque supportare lo sviluppo sostenibile della montagna rurale delle alte Valli, attraverso un sistema di valorizzazione delle sue produzioni tipiche e delle pratiche tradizionali.

In generale il progetto è finalizzato a un aumento della capacità di innovazione nel settore agricolo e in quello gastronomico, guardando all’elaborazione di un metodo condiviso di accompagnamento e promozione delle produzioni e dei prodotti locali.

Più nel dettaglio, si intendono valorizzare le cinque colture tradizionali: miele di montagna, colture, biologiche di patate di montagna, castagne, funghi e vini locali, fino ad arrivare alla stesura di un vero e proprio Atlante dei prodotti delle alte Valli. Ma questi sono soltanto alcuni degli esempi delle attività che si intendono realizzare.

Grazie a questa serie differenziata di iniziative, si vuole così raggiungere l’obiettivo di tutelare, valorizzare e promuovere le produzioni tipiche e il loro impiego nella ristorazione delle Alte Valli.