Zootecnia

L’allevamento da reddito è la risorsa più importante per quanto riguarda l’agricoltura in zone montane e riveste un ruolo fondamentale per quanto riguarda la salvaguardia dell’ambiente e del territorio. L’importanza della zootecnia è riconosciuta anche a livello comunitario: nel Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013 sono confermate tutte le misure agroambientali volte alla tutela e alla salvaguardia dell’allevamento e delle razze allevate. La produzione di carne viene effettuata con la produzione di vitelli da ristallo meticci o di razza Piemontese che ha avuto nel recente passato una notevole diffusione grazie al prezzo sostenuto che questa razza ha mantenuto nell’ultimo periodo; questi vitelli sono ingrassati in loco (soprattutto nella media-bassa valle) o venduti ad ingrassatori di pianura (zona di alta valle). Non di minore importanza a questo riguardo è la produzione di carni ovine e caprine

Per quanto concerne la produzione di latte, essa dopo un passato di lenta contrazione, presenta un nuovo stato di buona salute grazie al fiorire di piccoli ma efficienti caseifici aziendali i quali forniscono un prodotto di eccellenza. La produzione lattea viene ottenuta grazie alla presenza di alcune razze da latte tipiche dell’arco alpino dove la valdostana e i suoi meticci vengono gradualmente affiancate da razze ove la duplice attitudine sia più spiccata (Barà e Pezzata Rossa Italiana). Nell’ultimo periodo sono in aumento anche la produzione di latte ovino e caprino che fornisce un ulteriore valore aggiunto sia aggiungendolo al latte bovino sia con lavorazioni in purezza.

Sempre nell’ambito della zootecnia si ritiene importante continuare nella tutela e nella promozione delle principali produzioni casearie, quali il Sarass del Fen, il Plaisentif e il Dahù, stimolando i produttori a dotarsi di un efficiente Piano di Autocontrollo aziendale.